Al Palazzo della Cultura di Catania, dal 19 marzo al 17 settembre 2017, ospitati le opere del genio olandese Escher

Nel settecentesco Palazzo della Cultura di Catania, dal 19 marzo al 17 settembre 2017, saranno ospitate le opere del genio olandese Escher, che proprio al Sud Italia e in Sicilia in particolare, maturò buona parte della sua produzione artistica e lo studio sulle forme che lo hanno reso celebre.

Tra le opere iconiche dell’artista saranno esposte Mano con sfera riflettente (1935), Giorno e Notte (1938) e Vincolo d’unione (1956). Tra le opere di influenza siciliana Escher disegna gli archi, le colonne e gli antichi prospetti dei templi greci della Sicilia occidentale Tempio di Segesta, Sicilia (1932); “cartoline” di litorali come in Catania (1936); i chiostri delle più ricche Basiliche come quello del Chiostro di Monreale, Sicilia (1932); vedute aeree Cattedrale di Cefalù (1938); le litografie che hanno per soggetto l’Etna (Colata di lava del 1928 del Monte Etna, 1933) e i paesi vicini che lo circondano come in Castel Mola (con Monte Etna) del 1932. Prodotta e organizzata da Arthemisia, in collaborazione con la Escher Foundation, la mostra curata da Marco Bussagli e Federico Giudiceandrea è interamente dedicata a Maurits Cornelis Escher (1898-1972

mostra di Escher a Catania 2017